ARTITERAPIE
Sede per il Trentino-Alto Adige

Corsi Triennali di Arti Terapie

Novità: possibilità di iscrizione durante tutto l'anno, partendo dal Master in artiterapie.
chiedi maggiori informazioni: 3317589364.

L'Associazione OndaSalus comunica l’attivazione dei Corsi di Formazione Triennali in:

  1. Arte Terapia Plastico Pittorica
  2. Musicoterapia
  3. Danza Movimento Terapia
  4. Teatroterapia


nella Città di Trento in partnership con ART.ED.O. – Polo Mediterraneo delle Arti Terapie e delle Discipline Olistiche in virtù dell’adesione al Protocollo Discentes per la formazione in Arti Terapie in Italia, fondato su di una modalità didattica innovativa, tra studio on line di materiale documentale e attività di laboratorio in presenza.

Tutti i corsi prevedono l’ammissione al livello di base per il conseguimento dell’Attestato Triennale di 660 ore nel modulo formativo prescelto, propedeutico per il conseguimento del corrispondente Diploma Triennale di Specializzazione di 1.200 ore, nella medesima scuola o in altra sede aderente al Protocollo Discentes dell’Istituto di Arti Terapie e Scienze Creative.

 

Per scaricare la domanda d’ammissione e richiedere l’iscrizione ad uno dei corsi triennali, contatta 0461961444 oppure 3317589364.

 NEWS

LABORATORI 2014

Calendario dei Laboratori 2014 Sede di Trento. oGNI LABORATORIO può essere seguito singolarmente anche da esterni. Info: arteterapia@sipaa.it 

22-23 Febbraio 2014 laboratorio di Arte plastico pittorica, con la docente Roberta Tezza.

Il laboratorio si terrà, alla sala “Canonica” via Paludi n 46, il Sabato dalle ore 10,00 alle ore 18,00 e la Domenica dalle ore 11,00 alle ore 17,00. Titolo del laboratorio:

La forma, il perimetro e il colore delle emozioni.

Cosa sono le emozioni?
A cosa servono?
Perché ascoltarle?

Come e perché rappresentarle?

Descrizione:
Imparare a dare forma alle emozioni significa riconoscerle, attribuire loro colore equivale a comprenderne l’intensità, delinearne il perimetro significa imparare a gestirle.
Riconoscerle equivale ad elevarle a risorse preziose.
L’utilizzo dei materiali artistici e l’applicazione della metodologia dell’Arteterapia al fine di prendere coscienza e dare voce a ciò che proviamo.

Imparare ad ascoltare noi stessi è condizione imprescindibile per essere in grado di ascoltare gli altri.


15-16 Marzo 2014 laboratorio di Arte plastico pittorica con la docente Bernard dal titolo:

La Fotografia:…Parlare dell’Identità.

Sede Centro Pollicino Strada de Molinees 5-38036 Pozza di Fassa Tn

DESCRIZIONE: questo seminario presenta un altro mezzo artistico che rientra nei materiali terapeutici dell’Arte Terapia: la fotografia. L’immaginario fotografico presenta aspetti dell’Identità della persona visti con l’occhio visivo della foto.

 (: a ciascun partecipante è chiesto di portare la macchina fotografica!!).


29-30 Marzo 2014 laboratorio dal titolo:

Metodologia della Progettazione degli interventi di Arti Terapie con il presidente Stefano Centonze.

Workshop teorico-pratico di tutoring sull'impostazione metodologica del lavoro arte terapeutico e sulla strutturazione di un percorso laboratoriale. Agli allievi partecipanti (tutti i moduli) vengono convalidate 8 ore di supervisione tecnica.


5-6 Aprile 2014 laboratorio di Arte plastico pittorica, con il docente Axel Rutten dal titolo:

TRANSFORMAZIONE E FORMA I

Tecniche di uso dell’argilla nel percorso arteterapico.

Descrizione:

Questo seminario propone un primo approccio all’argilla. In base alle conoscenze del gruppo si modula direzione e velocità. Si promuove un approccio “insolito” ad un materiale che molti conoscono ma che non hanno mai veramente esplorato. L’approccio è dal primo momento mirato all’aspetto comunicativo e terapeutico del materiale senza tralasciare aspetti tecnici che sono importanti per realizzare opere durature nel tempo. La combinazione di questi due elementi porterà il gruppo a sentire l’anima del materiale, ad imparare tecniche di base di lavorazione e di creare un ponte comunicativo con un materiale che potranno proporre a gruppi di pazienti.

Presentazione di casi clinici trattati con l’argilla.


10-11 Maggio 2014 laboratorio di recupero di Musicoterapica dal titolo:

CORPOREITA’ E LINGUAGGI ESPRESSIVO-MUSICALI

con la docente Alessandra Gardelli. Sede Studio Esthesis via Sighele,5, Trento.

Traccia:

Il laboratorio si propone di condividere e approfondire l’impiego della musica nel costruire un contatto empatico e relazionale con l’altro. Attraverso l’utilizzo del suono prodotto e successivamente ascoltato, il laboratorio intende stimolare nei partecipanti la consapevolezza delle priorità comunicative personali e dei canali espressivo-comunicativi impiegati per dare forma e colore alle proprie e altrui emozioni, favorendo il riconoscimento delle implicazioni corporee che costituiscono le risorse e i vincoli della creatività individuale e del proprio stile artistico-comunicativo. La produzione e l’uso del suono quale modalità di comunicazione non verbale, aiuta a cercare possibilità alternative e creative di comunicazione e relazione che possano facilitare l’ascolto e l’accoglienza reciproca nonostante le diversità e le idiosincrasie individuali. A questo proposito diventa di fondamentale importanza il riconoscimento e la valorizzazione dell’unicità di ognuno, all’interno di esperienze sonore condivise. Accanto alle esperienze d’interazione individuale e di coppia che il laboratorio propone, e attraverso le situazioni di gruppo che costituiscono il contesto laboratoriale di riferimento, si giocano il confronto-conflitto tra similarità e diversità, tra continuità e discontinuità ed è proprio in questo attrito che risiedono le maggiori opportunità per una sua elaborazione .

Obiettivi:

Riconoscere e valorizzare le diversità individuali attraverso il miglioramento della capacità di ascolto reciproco.

Dar voce (e corpo) ai vissuti e alle sensazioni che caricano affettivamente la produzione musicale.

StImolare la creatività e la ricerca di linguaggi comunicativi alternativi da proporre e condividere in gruppo.

Sperimentare il dialogo sonoro come tecnica per costruire continuità e discontinuità nella relazione al fine di promuovere riconoscimento, differenziazione e benessere.

Metodologia

La metodologia prevede una gradualità di proposte che saranno modulate dalla formatrice a garanzia delle persone presenti. Durante il laboratorio si alterneranno momenti d’informazione teorica, esperienze individuali e di gruppo, momenti di rappresentazioni e verbalizzazione In questa direzione, il laboratorio si configura come un’occasione per sperimentare il gioco creativo e musicale nella conoscenza individuale e di gruppo. L’ascolto e la produzione di stimoli ritmici, il dialogo sonoro, l’utilizzo della voce quale primo strumento musicale, l’esplorazione degli strumenti, ecc., sono tutti elementi che concorrono alla realizzazione di modalità interattive e relazionali originali, all’interno e attraverso le quali aprire occasioni di crescita, maturazione emotiva, comunicazione e simbolizzazione.

Tempi: Questo laboratorio di recupero si articola su due giornate da svolgersi in un weekend di maggio.


17-18 Maggio 2014 laboratorio di Arte plastico pittorica di recupero con la docente Alessia Bernard dal titolo: MATERIALE SPRAY: LE BOMBOLETTE COME MATERIALE TERAPEUTICO NELL’ESPRESSIONE WRITTER.

DESCRIZIONE: questo seminario prosegue la sperimentazione dei numerosi materiali arte terapeutici. Le bombolette spray che da moltissimi anni imbrattano i muri delle città, i sottopassaggi, i ponti, i cartelli segnaletici, e molto altro … hanno un perché terapeutico quando da atto vandalico, o da rappresentazione d’arte, diventano una forma di espressione e comunicazione umana.


24-25 Maggio 2014 laboratorio di Arte plastico pittorica con la docente Ilaria Caracciolo, dal titolo:

Le Artiterapie in contesto riabilitativo:

La parte per il tutto: percorsi espressivi per riabilitare l’integrità corporea reale ed immaginaria

Descrizione: Durante il laboratorio verranno proposte tecniche applicative utilizzabili trasversalmente in contesti e situazioni in cui le competenze residue del singolo, anche se compromesse da un punto di vista cognitivo e fisico, possano essere utilizzate in maniera creativa con la  finalità di creare relazioni significative all’interno del gruppo ed in relazione al conduttore dell’esperienza. Questo favorirà un processo di ristrutturazione della propria integrità corpo-mente partendo dalla possibilità di una condivisione su di un piano emotivo e corporeo. Il lavoro partirà dall'utilizzo delle periferie del corpo per esprimere sperimentare ed accrescere attraverso le arti plastico-pittoriche  le proprie capacità comunicative per arrivare ad una connessione con la parte centrale, significativa perché deputata alla gestione ed alla elaborazione degli stati più interni e quindi intrapsichici. In una fase finale in cui ciascuno sarà impegnato ad utilizzare l’integrità della sua esperienza sui diversi piani del corpo e della mente all’interno della relazione con gli altri componenti del gruppo  verrà favorita la reintegrazione delle diverse sfere componenti ciascun individuo (cognitiva, relazionale ed emozionale).


14-15 Giugno 2014 laboratorio di Musicoterapica dal titolo:

EVENTI SONORO MUSICALI IN CONTESTI SPECIFICI DI INTERVENTO

Contrasti: emozioni di sé tra ascolto individuale e dimensioni gruppali con la docente Alessandra Gardelli. Sede Studio Esthesis via Sighele,5, Trento.

Traccia:

I sentimenti e le emozioni che provano gli operatori attivi in una relazione d’aiuto e la presa di coscienza di tali emozioni all’interno dell’interazione determinano la qualità dell’intervento svolto. La scelta del tema che riguarda il mondo delle emozioni e degli affetti vissuti dal terapista all’interno di una relazione significativa, è legata alla specificità di una professione che richiede di mettersi affettivamente in gioco, non solo come professionisti ma anche come persone.

Le emozioni del terapista possono essere suscitate sia “reattivamente” in seguito a determinati atteggiamenti della persona o del gruppo con cui si entra in relazione, che da meccanismi di identificazione con le stesse persone. Pertanto, riconoscere le proprie emozioni e costruire ipotesi e riflessioni che possano aiutare a renderle comprensibili è parte fondamentale del lavoro d’aiuto. Il laboratorio, attraverso la proposta di attività sonore, corporee e musicali, intende offrire ai partecipanti strumenti ed opportunità di riflessione sulle proprie modalità di esprimere sentimenti ed emozioni, sulla qualità della relazione che si instaura con un individuo o il gruppo con cui si condivide un’esperienza e sulla valenza di una relazione che privilegi il suono, il corpo e la creatività per offrire spazio ai bisogni profondi delle persone. E ancora, intende stimolare l’ascolto di quei “contrasti” emotivi o quelle risonanze tonico-affettive che si possono vivere in queste determinate relazioni.

Obiettivi:

Favorire la capacità di osservare sé stessi e gli altri cercando di cogliere il proprio e l’altrui bisogno.

Stimolare la capacità di ascolto delle proprie emozioni e delle tensioni positive e negative ad esse legate, cercando di riconoscerle e verbalizzarle.

Favorire l’ascolto di sé e dell’altro attraverso esperienze tonico-emozionali e di dialogo sonoro.

Prendere coscienza di quello che ognuno di noi performa in uno spazio all’interno di una relazione, ponendo particolare attenzione ai propri movimenti caratteristici, alle posture, all’utilizzo della voce e dello sguardo.


Metodologia:

La metodologia prevede una gradualità di proposte che saranno modulate dalla formatrice a garanzia delle persone presenti. Durante il laboratorio si alterneranno momenti d’informazione teorica, esperienze individuali e di gruppo, momenti di rappresentazioni e verbalizzazione.

In questa direzione, il laboratorio si configura come un’occasione per sperimentare il gioco creativo e musicale nella conoscenza individuale e di gruppo. L’ascolto e la produzione di stimoli ritmici, il dialogo sonoro, l’utilizzo della voce quale primo strumento musicale, l’esplorazione degli strumenti, ecc., sono tutti elementi che concorrono alla realizzazione di modalità interattive e relazionali originali, all’interno e attraverso le quali aprire occasioni di crescita, maturazione emotiva, comunicazione e simbolizzazione.

Tempi

Il laboratorio si articola su due giornate da svolgersi in due distinti weekend nei mesi di giugno e novembre. I laboratori sono frequentabili anche separatamente.


28-29 Giugno 2014 laboratorio di Arte plastico pittorica, con la docente Ilaria Caracciolo, dal titolo:

Le Artiterapie in contesto trasformativo-terapeutico:

Il Sé e l’Altro, il dentro e il fuori, la luce e l’ombra

Descrizione: Durante il laboratorio le tecniche arteterapiche verranno messe al servizio della possibilità di contattare le proprie parti interne e di metterle in relazione con gli altri con la finalità di individuare, mettere in forma e condividere  ciò che di ciascuno può favorire una trasformazione degli stati emotivi all’interno della relazione con se stessi e con gli altri. Il tema degli opposti (dentro-fuori, luce-ombra) favorirà la messa in forma di quei conflitti costantemente operativi all’interno di ciascuno con la finalità di approfondire ciò che l’individuo sente di star vivendo nel suo percorso esistenziale. Questo permetterà una  reale modificazione dell’esperienza e l’utilizzo delle tecniche arteterapiche catalizzeranno questo processo all’interno di un contesto protetto in cui ciascuna parte è sostentata e valorizzata dalle capacità creative del singolo e del gruppo stesso.

 

20-21 Settembre 2014 laboratorio di Arte plastico pittorica, con il docente Axel Rutten, dal titolo:

TRANSFORMAZIONE E FORMA II

Il potenziale trasformativi dell’argilla al servizio del lavoro nell’atelier di arteterapia.

Descrizione:

Questo seminario si propone come approfondimento del primo e porterà il gruppo dopo un primo approccio ad una comprensione più elevata rispetto all’argilla. L’ascolto sarà uno dei temi importante durante questo fine settimana. Ogni terapia è un processo di ascolto senza il quale non si crea alleanza terapeutica. Il terapeuta non è educatore ma strumento di aiuto dove il paziente impara a conoscere se stesso ed ad esprimere e comunicare il suo mondo interiore. Questo seminario farà esplorare un secondo livello di profondità del lavoro terapeutico con l’argilla ai partecipanti.      Presentazione di casi clinici trattati con l’argilla.

4-5 Ottobre 2014 laboratorio di Arte plastico pittorica con la docente Alessia Bernard dal titolo:

IL FUMETTO: STORIE DA RACCONTARE

DESCRIZIONE: questo seminario tratterà una forma di espressione artistica divenuta molto attuale, che lega l’immagine alla parola. Si tratta di una forma di comunicazione che per essere tale richiede di essere supportata da entrambi i due tipi di linguaggio: quello verbale/scritto e quello grafico. Insieme si completano, si rafforzano, si rimandano l’uno all’altro, ma soprattutto, insieme, raccontano delle storie.


8-9 Novembre 2014 laboratorio di Musicoterapica dal titolo:

EVENTI SONORO MUSICALI IN CONTESTI SPECIFICI DI INTERVENTO con la docente Alessandra Gardelli. Sede Studio Esthesis via Sighele,5, Trento. Traccia uguale al laboratorio del 14-15 Giugno 2014.


13-14 Dicembre 2014 Congresso Annuale delle Arti Terapie (vale come laboratorio) sede di Lecce ( la data è ancora da definire).

6-7 Settembre 2014 laboratorio di Recupero.

22-23 Novembre 2014 laboratorio di Recupero


SCUOLA DI ARTITERAPIE ONDASALUS - TRENTO

Chi siamo

Per l’attivazione della sede territoriale in oggetto è attivo un partenariato tra gli enti di seguito descritti. Nella fattispecie:

  1. ISTITUTO DI ARTI TERAPIE E SCIENZE CREATIVE - è l’ideatore del modello didattico denominato Protocollo Discentes per la formazione delle Arti Terapie in Italia, supervisiona la formazione degli allievi in conformità a quanto stabilito dallo stesso e ne stabilisce le linee guida;
  2. ART.ED.O. - Polo Mediterraneo delle Arti Terapie e delle Discipline Olistiche - è il partner organizzativo ed amministrativo e gestisce i rapporti con le sedi territoriali in ottemperanza a quanto stabilito dal Protocollo Discentes;
  3. OndaSalus - è la sede territoriale, di seguito denominata scuola Artedo.

 

ART.ED.O. - Polo Mediterraneo delle Arti Terapie e delle Discipline Olistiche

ART.ED.O. – Polo Mediterraneo delle Arti Terapie e delle Discipline Olistiche, già Polo Mediettraneo di Muscoterapia - Registro di Scuole, Associazioni ed Operatori professionisiti della Musicoterapia, è un'associazione di promozioine sociale, iscritta nel registro regionale pugliese, i cui scopi statutari sono: 

1. Organizzare e promuovere corsi di formazione, inclusa la formazione a distanza, la formazione professionale e l’alta formazione, in Musicoterapia, Danzaterapia, Drammaterapia, Teatroterapia, Arteterapia Plastico Pittorica e Arti Terapie Integrate;

2. Stabilire ed uniformare i criteri di formazione  per tutti gli operatori che professionalmente operano con le Arti Terapie;

3. Tracciare il profilo professionale dell’Arteterapista e dell’Arteterapeuta (e di tutte le figure professionali delle discipline olistiche ad essi collegate);

4. Istituire un registro interno pubblico per categorie (Associazioni, Scuole, Operatori e  Formatori delle Arti Terapie) a cui l’utenza possa avere facile accesso per  riceverne  opportune garanzia e tutela.

 

Durata dei Corsi e titolo rilasciato 
Ogni Corso di Formazione ha la durata di tre anni, con impegno alla frequenza, da parte degli iscritti, dell’anno in corso.
Ai sensi del Protocollo Discentes per la Formazione in Arti Terapie in Italia, il titolo al termine del percorso è un Attestato Triennale  rilasciato da SIPAA, in collaborazione con l'Istituto di Arti Terapie e Scienze Creative di Carmiano (LE) e ART.ED.O. - Polo Mediterraneo delle Arti Terapie e delle Discipline Olistiche.

 

Destinatari
L'offerta formativa in Musicoterapia, Danza Movimento Terapia, Arteterapia Plastico-Pittorica, Dramma Teatro Terapia e Arti Terapie Integrate è rivolta a Psicologi, Medici, Tecnici della Riabilitazione Psichiatrica, Fisioterapisti, Psicopedagogisti,  Assistenti Sociali, Educatori Professionali, Dirigenti ed Operatori di Comunità (nel settore Minori, Anziani ed Handicap, fisico e psichico), Operatori dei Centri di Salute Mentale,   Infermieri (Professionali e Generici),  Insegnanti, Insegnanti di Sostegno, Studenti Universitari, Operatori impegnati nel volontariato, Arte Terapisti, Artisti, altre figure ammesse per sussistenza di requisiti, almeno due tra i seguenti:

  • Maggiore età (requisito fondamentale);
  • Diploma di Scuola Superiore oppure Laurea in uno dei seguenti indirizzi: Pedagogico, Umanistico, Sociale, Artistico;
  • Motivazione alla relazione d'aiuto;
  • Pregressa esperienza nel Sociale o nel Volontariato;
  • Competenza artistica.

 
Didattica

Corso Triennale di Base

La didattica è composta di 220 ore di formazione così articolate:
1. 170 ore di studio di materiale documentale su piattaforma e-learning, a loro volta così suddivise:
    a. 90 ore di studio su dispense in PDF e PPT;
    b. 10 ore di lezioni in video;
    c. 20 ore di lavoro cooperativo su piattaforma;
    d. 20 ore in  progetti (2 progetti nell'anno);
    e. 20 ore di discussioni su forum;
    f. 10 ore di test a risposta multipla (4 prove nell'anno);
2. 50 ore di attività di laboratorio della disciplina prescelta, tra Musicoterapia, Arteterapia e Dramma Teatro Terapia, in svolgimento nella nostra sede di Trento, loc. Gardolo, via Paludi n. 3.

Corso di Specializzazione Triennale da 1.200 ore in Arti Terapie

Accanto all’integrazione del monte ore previsto dalla Formazione di base, il Protocollo Discentes per le Arti Terapie in Italia prevede l’ammissione diretta al progetto di Scuola Diffusa ARTI TERAPIE 2.0 per il conseguimento del Diploma Triennale di Specializzazione da 1.200 ore, conforme alla norma tecnica UNI per il riconoscimento della Professione delle Arti Terapie ai sensi del DDL 3270.
L’allievo, per il conseguimento di tale titolo, è chiamato a svolgere il seguente piano formativo nel triennio:

  1. 510 ore di studio delle materie afferenti all’Area Teorico-Relazionale;
  2. 390 ore di attività pratiche di laboratorio, in almeno undici weekend intensivi esperienziali all’anno, afferenti all’Area Specialistica per la disciplina prescelta;
  3. 300 ore di formazione pratica, suddivise in 250 ore di tirocinio e 50 di supervisioni, afferenti all’Area Applicativa.

Per lo svolgimento delle attività pratiche di laboratorio afferenti all’Area Specialistica, l’allievo può fare riferimento indifferentemente al calendario didattico delle propria sede di appartenenza o alla Scuola Diffusa ARTI TERAPIE 2.0 dell’intero circuito del Protocollo Discentes per la Formazione in Arti Terapie in Italia.

Le modalità di partecipazione dei corsisti alla Scuola Diffusa ARTI TERAPIE 2.0 per il conseguimento del Diploma di Specializzazione nella disciplina prescelta sono disciplinate all’interno del contratto d’iscrizione che è parte integrante del Protocollo Discentes per la formazione in Arti Terapie in Italia.

 

Anno Accademico e termine per le iscrizioni
L’Anno Accademico, a termini del Protocollo Discentes, va da fine Gennaio a Dicembre, con termine per la presentazione delle domande d’iscrizione al 15 Gennaio di ogni anno.


Testi di studio
Tutto il materiale didattico è fornito on line dalla Direzione dei Corsi.

Dove siamo
La sede dei Corsi è presso OndaSalus, loc. Gardolo, via Paludi n. 3 - TRENTO.


Per ulteriori informazioni
Referenti: Dott.ssa Paola Taufer - Dott.ssa Francesca Iacono
Telefono:  0461/961444 
Fax: 0461/994527
Mobile:  331-7589364 
Email: info@ondasalus.org

Web: www.ondasalus.org


Orario e giorni di segreteria
dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,30.





 
OndaSalus Via Paludi, 3 - Trento 38121. info@ondasalus.org   te 0461-961444  3317589364
  Site Map